Apple rilascia iOS 11.1 ccon tante novità che ci riguardano!

Dopo la tribolata uscita della major release 11 di iOS, il sistema operativo dei nostri dispositivi mobili, Apple, ha rilasciato il primo corposo aggiornamento che va ad introdurre alcune novità ma soprattutto, corregge moltissimi bug di VoiceOver presenti nella primissima versione. Infatti, con il nuovo iOS 11.1 appena rilasciato, molti difetti riscontrati nell'utilizzo dello screen reader presente a bordo dei nostri melafonini e non solo, sono stati finalmente corretti. Per prima cosa, se si utilizza il sistema di digitazione a tocco, per intenderci quello che fa inserire un carattere al sollevamento di un dito, si possono nuovamente digitare le lettere accentate, semplicemente tenendo un dito sopra la lettera, proprio come si faceva con il precedente iOS 10. Un altro difetto che è stato sistemato, riguarda le azioni del rotore che prevedevano l'eliminazione di un elemento come mail o sms. Adesso, ogni azione è confermata da un messaggio di VoiceOver che indica la corretta funzionalità dell'azione ed in più, nell'applicazione Mail, quando si elimina un messaggio e ci portiamo sul successivo l'azione torna direttamente su quella predefinita e non rimane su elimina. Sempre riguardo alle azioni del rotore, adesso è stata introdotta una nuova impostazione nella finestra di VoiceOver che ci consente di decidere se nella schermata principale vogliamo avere subito a portata di mano i gesti per l'organizzazione delle icone, proprio come avveniva in iOS 10, oppure vogliamo utilizzare la nuova modalità del doppio tocco con secondo trattenuto introdotta in iOS 11. Per poter modificare questo comportamento, basta portarsi nelle impostazioni di VoiceOver e fare doppio tap sul nuovo bottone Azioni rotore. Un'altra caratteristica reintrodotta in iOS 11.1, è la possibilità di richiamare lo switcher applicazioni premendo con forza sul lato sinistro dello schermo. Non è una funzionalità particolarmente pensata per noi ma a molti era decisamente utile. Naturalmente, per poterla sfruttare, occorre avere un iPhone 6S o superiore. Sempre parlando dello switcher applicazioni, adesso se chiudiamo le applicazioni con l'azione del rotore, essa rimane sempre su chiudi e VoiceOver ce lo segnala ogni volta che ci spostiamo sulle applicazioni con un gesto del flick. Altre novità introdotte sono diverse nuove emoji che risultano sempre molto gradite agli utenti. Per concludere con le novità che ci riguardano, inseriamo qui sotto uno stralcio del changelog ufficiale riguardante proprio le novità dell'accessibilità.

  • Migliora il supporto Braille per input di testo di tipo Grade 2.
  • Migliora l’accesso VoiceOver per PDF multipagina.
  • Migliora le azioni del rotore VoiceOver per la lettura di notifiche in arrivo.
  • Migliora il menu azioni del rotore VoiceOver alla rimozione di un’app dallo switcher applicazioni.
  • Risolve un problema riscontrato da alcuni utenti per cui i tasti alternativi non venivano visualizzati utilizzando l’opzione VoiceOver in modalità di digitazione a tocco.
  • Risolve un problema in Mail per cui il rotore VoiceOver veniva riportato sempre all’azione di default.
  • Risolve un problema per cui il rotore VoiceOver poteva non eliminare i messaggi.

Come avrete potuto leggere, almeno a nostra memoria, si tratta del changelog più corposo e dettagliato riguardante VoiceOver da quando esiste iOS. Infatti, solitamente si tratta di pochissime righe riguardanti generiche correzioni di bug all'accessibilità ma stavolta a Cupertino ci hanno dato davvero dentro.

difetti ancora presenti

Naturalmente, dopo il doce, c'è sempre un pò di amaro! Infatti, in questa versione gran parte dei difetti sono stati corretti ma purtroppo, permangono ancora alcuni bug che per molti possono essere considerati un problema. Il primo riguarda ancora i dizionari delle sintesi vocali che non sono stati ancora corretti. Infatti vengono ancora pronunciati i vari simbolo dell'addizione, simbolo dell'euro e così via. Chiaramente, non è un difetto bloccante per un dispositivo ma ad alcuni può risultare decisamente fastidioso. Un altro piccolo difetto è la durata della batteria che rispetto ad iOS 11 è decisamente migliorata ma ancora si può fare decisamente di meglio. Ultimo difetto che abbiamo notato, con alcuni 6S VoiceOver pare non essere troppo scattante ma la cosa è casuale, infatti su altri risulta esattamente performante come nella precedente versione di iOS 11. Si tratta comunque di poca cosa che non pregiudica il buon funzionamento dell'apparecchio.

Come aggiornare

L'aggiornamento è disponibile per tutti i dispositivi che hanno installato iOS 11 ed in particolare, iPhone 5S e successivi, iPod Touch 6G e successivi, iPad Mini 2 e successivi, Ipad 5 G e successivi, oltre a tutti gli iPad Pro. Per poter eseguire l'aggiornamento, il metodo migliore è quello di andare in impostazioni, generali e poi aggiornamento software. non dimenticate di effettuare prima un backup, non si può mai sapere!

conclusioni

Quanto descritto in questo articolo non vuole essere esaustivo, infatti, vi sono anche ulteriori novità che non ci riguardano direttamente ma che potrete leggere nella schermata che si presenta sul vostro dispositivo quando andrete a scaricare l'aggiornamento. Adesso molti di voi si chiederanno se aggiornare o meno, beh, queste sono le novità, penso possiate farvi un'idea ed in caso positivo potrete sicuramente procedere. Ad ogni modo, se ancora avete installato iOS 10 e siete indecisi, almeno per quanto ci riguarda la situazione è decisamente migliore ed il fatto di non aggiornare adesso dipende solo ed esclusivamente dalla vostra volontà!

Tags: 

3 Comments

Con la beta pubblica di iOS

Con la beta pubblica di iOS 11. Due, è stato tolto anche il fastidioso problema dei dizionari delle sintesi vocali. Ora il + è il segno euro vengono pronunciati correttamente.

Buonasera, noto che

Buonasera, noto che disattivando l’uso in aereo dal centro di controllo si attiva automaticamente la connessione Wi-Fi.
Dal supporto Apple mi dicono che questa è una caratteristica di iOS 11, io però la trovo un’incongruenza, E avrei preferito continuare a scegliere io se e quando attivare o disattivare la connessione Wi-Fi.
Che ne pensate?
Angelo