Pdf accessibili con voiceover sui mac e non solo. La rivoluzione sta arrivando?

Scrivo questo articolo molto di getto senza porre troppa attenzione alla forma. Verso l'una di questa notte mi è arrivato un messaggio che mi mostrava uno stralcio di testo nel quale si affermava che i pdf sui mac finalmente sarebbero risultati accessibili a partire dalla nuova versione del sistema operativo.
Facendo un rapido controllo, ho potuto trovare conferma in un articolo dedicato alle nuove funzioni di accessibilità presente su Applevis.

Le informazioni che si possono leggere sono per alcuni tratti molto simili a quelle che ieri abbiamo pubblicato nell'articolo dedicato a iOs11 sul nostro portale., che però si occupava soltanto del sistema operativo dedicato a iPhone e ipad.

Per farla breve, sia per quel che concerne i mac che gli iPhone, possiamo trovare una frase molto eloquente che, tradotta un po' alla buona, recita più o meno così:
migliorato il supporto ai pdf, compreso l'accesso anche alla compilazione dei moduli; nei pdf con tag ora vengono gestite e quindi lette informazioni quali liste o tabelle.

Questa frase, striminzita ma significativa, sembrerebbe portare un pochino di speranza per gli utenti mac, visto che finora la gestione dei pdf è assolutamente indecente.
Si dovrebbe trattare, speriamo, di una vera rivoluzione.
E giusto per continuare con un pochino di sensazionalismo, tra le varie novità ci dovrebbe essere anche il supporto definitivo al riconoscimento delle foto con voiceover, sia per iPhone che per Mac.
Sugli iphone bisognerà effettuare un triplo tocco con un dito in presenza di un'immagine per ascoltarne la descrizione, ad esempio cielo azzurro, 4 alberi vicini, 3 persone che sorridono.
Sui Mac invece ci sarà un tasto rapido, non ancora noto.

Interessante anche la possibilità di poter gestire l'Apple TV sia con una tastiera bluetooth (voiceover infatti sarà in grado di accettare comandi specifici), che con un display braille, in effetti poter zittire VoiceOver non è una cosa di poco conto, visto che spesso la sintesi vocale parla in mezzo ai film o ai contenuti che guardiamo/ascoltiamo, nel caso spostiamo il focus.
Con la barra braille si potrà sia gestire i menu della Apple Tv, ma anche leggere i sottotitoli dei video, purché formattati a dovere.

Grosse migliorie anche a Zoom per Mac, alla navigazione con Safari e e al riconoscimento automatico delle lingue.

Non è la prima volta che gli entusiasmi decollano dopo il WWDC, perché ciò che promette Apple è fantastico.
Il problema è che ad esempio l'anno scorso si era partiti con un rudimentale riconoscimento delle immagini, che inizialmente aveva pervaso tutti di felicità, solo che poi il riconoscimento rudimentale è rimasto rudimentale.
Insomma, le promesse sono eccezionali, e rimarco ancora la questione pdf sui Mac, importantissima per rendere questo strumento veramente completo.
A luglio uscirà la prima beta pubblica, e capiremo di sicuro di più.
Naturalmente sarebbe anche possibile installare la beta1 per sviluppatori, ma è sconsigliatissimo proprio per la sua instabilità, e non credo che nel nostro team si andrà a rischiare di compromettere le macchine che usiamo quotidianamente.

Tags: 

1 Comment