Una domenica d'autunno in compagnia di MacBook Pro con Touchbar

Una delle ultime innovazioni di Apple è rappresentata dai nuovi Macbook pro con touchbar strumento, senza dubbio, che solletica moltissimo le fantasie di chi è appassionato di tecnologia, ma come si potrà comportare tale innovazione tecnologica per coloro i quali si debbono avvalere di Voiceover?

Già da qualche giorno gira in rete questo articolo di Applevis attraverso il quale abbiamo avuto la rassicurazione della compatibilità di voiceover con touchbar, ma una cosa è sentir dire, un'altra è toccare con mano ed ecco, finalmente, arrivare anche negli store italiani i tanto agoniati computer ed in un'uggiosa domenica di inizio dicembre abbiamo subito colto l'occasione per andar a provare i nuovi Macbook pro!

La prima impressione

Credeteci, per chi è sempre stato abituato ad avere i tasti funzione sotto le dita risulta a dir poco strano ritrovare una striscia touch che sostituisce i mitici tasti "F" ed il non poter digitare "cmd + f5 in autonomia ti fa rimanere un po' disarmato, ma, ripetiamo, è l'impatto del primo momento, poi ti rendi conto che c'è ben altro dietro!

Un po' di prove e tutto cambia

Dopo le prime perplessità ecco che si inizia a cogliere il senso della touchbar, si inizia a vedere che la cosa è accessibile, si inizia ad intravedere come si possa pensare a questo concept come ad una sorta di anno zero per l'approccio anche con voiceover.

Quando hai un attimo preso le misure al tutto fliccare sulla touchbar diventa naturale, scopri che aggiungendo fn al tasto VO sulla touchbar possiamo scorrere col flick tutti i tasti funzione e quindi non si resta più così spiazzati anche se, va detto, la sensazione di minor efficacia a livello di velocità esecutiva, inevitabilmente resta.

per fare un esempio, abbiamo iniziato con l'aprire l'utility voiceover:

  • mano sinistra con fn + ctrl + option premuti
  • con il flick sulla touchbar ho individuato il tasto F8 ed ho fatto tap tap utilizzando la mano destra

Confronto tra vecchio e nuovo

Il bello di essere in un applestore è che puoi guardarti attorno, puoi provare e, de facto, fare i primi confronti quindi dopo aver un po' esplorato il nuovo Macbook pro spostarsi sulla versione con tastiera in vecchio stile è stato un attimo e...

La sensazione che le mani viaggino a velocità quadrupla è una certezza, ci si sente sicuramente più a proprio agio, ma la coda dell'occhio scappa sempre al modello più nuovo con la netta sensazione che si sia solo all'inizio.

Conclusioni e consigli

Non v'è dubbio che un Macbook pro con touchbar abbia un fascino che non si discute, ma ci teniamo a sottolineare come la cautela, soprattutto per gli utilizzatori di voiceover, non proprio "power user" sia più che raccomandata in quanto non vi è ancora abbastanza esperienza utente per poter trasmettere le giuste nozioni didattiche e correre il rischio di non essere soddisfatti da un acquisto da oltre 2000 euro non è consigliabile.

Siate quindi pazienti nel pensare ad un acquisto per un nuovo macbooc pro e mantenete alta l'attenzione per cogliere ulteriori novità che potranno sicuramente arricchire il bagaglio di tutti dedicato a questo nuovo gioiello proveniente da Cupertino.

Tags: 

1 Comment